Paul Morphy- Duca di Brunswick: una partita spettacolare!

Paul Morphy

Molti di voi, anche se novizi del mondo del nobilgiuoco, avranno sentito per lo meno citare il grande scacchista statunitense Paul Morphy, uno di quelli che faranno parte indelebilmente della storia delle 64 caselle.

La partita che vi presento quest’oggi  è forse una delle più conosciute del maestro americano, giocata alla cieca contro il duca di Brunswick durante l’intervallo di una rappresentazione de Il barbiere di Siviglia all’opera di Parigi nel 1858.

1.e4 e5 2.Cf3 d6 La difesa Philidor 3.d4 Ag4?! 4.dxe5 Axf3 necessaria poiché dopo 4…dxe5 il bianco eliminerebbe l’inchiodatura del cavallo catturando la donna in d8 per poi prendere il pedone centrale con 6.Cxe5

5.Dxf3 dxe5 6.Ac4 facendo pressione sulla casa f7 Cf6 7.Db3 doppia minaccia ai punti f7 e b7, che giustifica il ripetuto movimento della regina, oltre al fatto di obbligare il nero a porre la sua donna in e7, ostruendo così l’alfiere camposcuro nemico Continua a leggere

Annunci

Sfruttamento combinativo dello stallo

La maggior parte di voi lettori sarà di certo al corrente della così detta regola dello stallo, termine scacchistico con cui  viene indicata la situazione in cui uno dei due giocatori non ha mosse legali a disposizione, pur non avendo il proprio re sotto scacco: in questo caso la partita è patta.

Ebbene, ad un principiante potrebbe sembrare un fatto più unico che raro, mentre è bene sapere che ci sono stati giocatori di caratura magistrale che, sfruttando questa particolare regola, sono riusciti a pareggiare partite  in netto svantaggio materiale.

La posizione che vi propongo è scaturita nella partita giocata da Reefschlaeger e Seppeur, nel 1983, nella Repubblica federale tedesca.

reefschlaeger- seppeur

La situazione sembra drastica per il nero, il quale ha un pezzo leggero di svantaggio ed una posizione che non permette manovre che possano impensierire l’esercito avversario: un pareggio sarebbe più che oro, ma come fare per ottenerlo?

In questa posizione Seppeur deve aver pensato: se non ci fossero in gioco i miei due pezzi pesanti(torre e donna), la partita terminerebbe immediatamente con il mezzo punto a ciascuno; il mio re non può muoversi a causa della donna che guarda l’ultima traversa e del cavallo che non permette l’accesso a g7 e tutti i miei pedoni sono bloccati.

Come fare per raggiungere questa posizione di patta per stallo? Ecco che l’idea si traduce in mosse:

1…Tc1+ 2.Rh2 Dc2+

posizione3

3.Rh3 Th1+ 4.Txh1 e via il primo pezzo! Dg2+ e via anche il 2 pezzo! 1/2- 1/2 Infatti dopo la forzata 5.Rxg2, la posizione che si viene a creare pone in stallo il re nero.

posizione4